top
logo

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Seven Suzuki

seven-cullis-suzuki

Adottata la Carta mondiale dei migranti PDF Stampa E-mail
Scritto da Daniela   
Lunedì 21 Febbraio 2011 11:59

social-forum

Più di 150 i delegati delle associazioni migranti arrivati a Dakar da tutto il mondo per partecipare al Forum sociale mondiale dal 06 al’11 febbraio e adottare La Carta Mondiale dei Migranti. La proposta è stata lanciata nel 2006 a Marsiglia da un gruppo di sans papiers ed è stata adottata venerdì scorso a Gorée, “l’isola degli schiavi” a pochi chilometri da Dakar,  precedendo l’apertura ufficiale del Forum. La Carta difende la libera circolazione delle persone, la soppressione dei visti e delle frontiere, l’uguaglianza dei diritti per coloro che vivono in uno stesso spazio geografico, l’esercizio di una piena cittadinanza fondata sulla residenza e non sulla nazionalità.

Dal 2006 hanno aderito al progetto della Carta associazioni migranti da tutto il mondo costituendosi in diversi coordinamenti: europeo, africano asiatico e latino-americano.

La Carta  è il frutto di una stesura collettiva, dopo due giorni di dibattito e confronto tra i presenti: a Gorée si sono incontrate associazioni, reti e singoli; presenti le associazioni dei senegalesi immigrati in Italia come Stretta di Mano di Mantova, Sunugal Associazione Senegalesi di Milano e l’Associazione Senegalesi di Torino (Ast) tutte impegnate nel Comitato Primo Marzo. Per Jelloul Ben Hamida, dalla Tunisia immigrato in Francia negli anni Novanta, oggi coordinatore della Carta, migrante è colui che ha conosciuto uno spostamento volontario o forzato e di conseguenza un cambiamento; colui che ha l’identità sospesa tra due luoghi: un territorio d’origine e un territorio di accoglienza.

Per Hamida l’adozione della Carta rappresenta un momento storico: “Gorée  è un luogo carico di significati: è il simbolo della tratta, da qui parte la prima confisca dell’umanità e oggi si sono ritrovati i discendenti di coloro che furono schiavi o schiavisti per ridefinire la protezione dei diritti dei migranti  e per costruire un mondo migliore senza muri. I migranti oggi non sono le vittime della crisi, ma i protagonisti di un cambiamento storico – continua Hamida – abbiamo iniziato a parlare della Carta a Marsiglia nel 2006 in 7-8 persone: oggi siamo qui a Dakar in duecento. Spero che il movimento diventerà sempre più numeroso intorno alla Carta. Ora è compito delle associazioni coinvolte appropriarsi dei contenuti e diffonderli organizzando manifestazioni e iniziative in tutto il mondo per renderla pubblica e raggiungere le istituzioni”. Con il sostegno della fondazione svizzera “Charles Leopold Mayer pour le progrés de l’homme”, il coordinamento della Carta si è dotato di strumenti per la comunicazione  e ha diffuso il progetto via Web: www.cmmigrants.org e http://www.cmmigrants.org.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Marzo 2011 21:14
 

L'Associazione è su

facebook1

Cinque x Mille

5 x mille piccolo

Dona Ora

BANNER_donazioni_pueronlus

Chi è online

 3 visitatori online

Amici

banco delle opere

missionetau

58970_116374048415794_116372591749273_99117_6497205_n


Associato_a_RGBcrocerossaCOMITATO LOCALE DI SERRE (SA)


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Joomla Templates, ecommerce web hosting. Valid XHTML and CSS.
getfreeiphone Exchange Hosted